Todiguide guide turistiche della Regione Umbria 389 424 62 62

Palomme in tuderte

PALOMME A LA JOTTA

Pe potè fà stò piatto da leccasse li baffi prima de tutto ce vojono le palomme che sariano n’a specie de piccione sarvatico che c’ha la pellancica m’pò dura ma tanto tanto saporita.

Cocete su lo spidone o n’tol forno le palomme e ‘gni tanto deteje n’ticchio d’onto e pò pò de sale; mettete sotto lo spidone n’contenitore pe arcoje l’onto che scola.

Cocete i dentri (che ete levato prima) n’to n’tegame de coccio assieme a 6 bicchieri de vino roscio (quello ‘gnorante), 1/4 de bicchiere d’aceto de vino, du spicchi d’aglio, 1/2 bicchierozzo d’onto d’oliva e l’sugo de menzo limone; mettetece anchi n’ticchio de tresommarino, la salvia e m’pò d’olive nere.

Facete coce tutto a foco lentissimo pe’ almeno tre ore bone e a la fine macinate tutto sto n’trujo che ve scappa fori; pijate le palomme cotte su lo spidone, spezzatele in 4 pezzi, mettetele a mollo drento a stà jotta e arcocete pe n’antri 10 minuti abbondanti.

Sirvite la palomma n’to n’piatto fonno assieme al pane abbruscato che ve servirà a arcoje l’sughetto de la jotta che ve lo assicuro è quarcosa de fenomenale.
Marcomanno…. co stò piatto c’ete da beve l’vino rosso casereccio, quello che tegne. Nun ve ne pentirete.

Per la traduzione ringraziamo “La moglie del Villano”

Back to top